Categorie
avvocato risponde

Posso cancellare mia madre dalla mia vita?

DOMANDA – Vorrei interrompere ogni responsabilità economica nei confronti di mia madre sia per impossibilità mia nel far fronte a tale carico che per il fine di interrompere qualsiasi tipo di legame con lei. So che si può rinunciare all’eredità sollevandomi così da spese funerarie, di successione della casa e da eventuali debiti ma in caso di sua necessità ancora in vita posso sollevarmi dal dovere di mantenerla?

— RISPOSTA – Purtroppo non si può cancellare un legame di parentela, per quanto oneroso o poco gradito, e nemmeno un rapporto di ex coniugio, ad esempio, come ben sanno quegli ex mariti che sono tenuti per anni e qualche volta decenni a mantenere ex mogli che, oramai, detestano.

All’esistenza di un rapporto di parentale, senza che sia possibile alcun giudizio di merito a riguardo, la legge, per antichissima tradizione risalente sino ai nostri padri romani, ricollega un dovere di solidarietà.

Le disposizioni di riferimento, se vuoi leggerle per curiosità, sono quelle di cui agli artt. 433 e seguenti del codice civile in materia di «alimenti».

La rinuncia all’eredità è una cosa che si può fare solo la morte di una persona e la eventuale dichiarazione o persino promessa o impegno di farla in futuro, quando sarà possibile, non ha alcun valore e non è nemmeno vincolante per il divieto dei patti successori previsto nel nostro ordinamento.

C’è da dire che oggigiorno è abbastanza raro che vengano applicate, almeno nella loro interezza, le disposizioni in materia di alimenti, dal momento che solitamente intervengono prima le disposizioni in materia di assistenza pubblica.

Se vuoi approfondire ulteriormente la questione, o incaricarmi già di svolgere la trattativa, chiama ora lo studio al numero 059 761926 e prenota il tuo primo appuntamento, concordando giorno ed ora con la mia assistente.

Puoi anche acquistare online direttamente da qui: in questo caso, sarà poi lei a chiamarti per concordare giorno ed ora della nostra prima riunione sul tuo caso; a questo link, puoi anche visualizzare il costo.

Naturalmente, se vivi e lavori lontano dalla sede dello studio – che è qui, a Vignola, provincia di Modena, in Emilia – questo primo appuntamento potrà tranquillamente avvenire tramite uno dei sistemi di videoconferenza disponibili, o persino tramite telefono, se lo preferisci; ormai più della metà dei miei appuntamenti quotidiani sono videocall.

Guarda questo video per sapere meglio come funzionerebbe il lavoro con me.

—————

Ti lascio adesso alcuni consigli e indicazioni finali che, a prescindere dal problema di oggi, ti possono sempre essere utili.

• 📧 Iscriviti oggi stesso, in ogni caso, al blog in modo da ricevere, sempre gratuitamente, futuri contenuti come questo, utili per sapere come meglio gestirsi nelle situazioni legali della vita di tutti i giorni. Per iscriverti al blog, vai in fondo alla pagina e inserisci la tua mail nella casellina: ti arriverà una mail cui dovrai dare conferma per attivare l’iscrizione.

• 📺 Iscriviti subito al canale YouTube degli avvocati dal volto umano e al podcast dove trovi altri contenuti, sempre gratuiti e utili per capire come meglio gestire e soprattutto prevenire i problemi legali. Sia nel canale che nel podcast trovi già contenuti molto utili per chi ha un problema legale, che ti invito a guardare o ascoltare.

• 👋 Entra oggi stesso nelle community degli avvocati dal volto umano: su telegram e su facebook e facebook. In questi gruppi potrai chiedere aiuto a me e agli altri avvocati presenti sulle situazioni legali che ti dovessero anche in futuro interessare.

• 🙋‍♀️ Se vuoi, puoi mandare anche tu gratuitamente una tua domanda: compila questo modulo.

• 🎁 Valuta una assicurazione di tutela legale: la prossima volta che incontri un problema potresti gestirlo molto più agevolmente e a costo zero. Questo consiglio è fondamentale: non sottovalutarlo!

• 😍 Metti «like» adesso, se ti è piaciuto questo post, e lascia un commento se vuoi dire la tua, risponderò volentieri; condividi liberamente, in qualsiasi modo, questo post se pensi che possa piacere o interessare a qualcun altro.

• ⚖️ Per caso, sei un avvocato? Iscriviti subito alle potentissime risorse gratuite di «fare l’avvocato è bellissimo». Trovi tutto nella home page del blog, iscriviti a blog, canale youtube, podcast e segnati il numero da chiamare per quando vorrai iniziare a fare coaching con me.

Categorie
diritto

Padre scomparso: possono esserci conseguenze negative?

la mia domanda è molto semplice.
Nel 1987 mio padre ha abbandonato il tetto coniugale lasciando mia madre con debiti (al tempo lei era casalinga) ma soprattutto ha abbandonato me che avevo 11 anni e mia sorella che ne aveva 1.
In tutti questi anni non abbiamo avuto contatti e lui non ha mai dato nè una lira nè un euro a noi figlie..
Sappiamo da Facebook che abita a Bologna.
I carabinieri allora consigliarono a mia madre di lasciarlo stare che noi saremmo state molto meglio senza di lui.
Vorrei sapere se per legge nel caso lui avesse problemi economici,legali o di salute potrebbero venire a cercare noi figlie.
Cosa possiamo fare per tutelarci?

La semplicità di una domanda, o la sua apparente semplicità, ha ben poca rilevanza, spesso la risposta può essere complessa, quindi diciamo che conta poco.

Nel tuo caso, i principali possibili problemi direi che siano due: potresti essere chiamata ad una eredità piena di debiti, nel momento in cui tuo padre dovesse venir meno, e potresti invece, quando lo stesso fosse ancora in vita, essere chiamata per la prestazione degli alimenti.

Per quanto riguarda l’eredità, se dovesse verificarsi questa ipotesi si potrà valutare di fare la rinuncia all’eredità. La rinuncia non si può fare, invece, finché una persona è in vita, la cosa è esclusa dal noto divieto dei patti successori. Pertanto, su questo al momento non puoi fare niente, ma puoi già stare tranquilla che, quando sarà, potrai tutelarti appunto con una rinuncia.

Per ciò che concerne, invece gli alimenti previsti, per antica tradizione, dall’art. 433 cod. civ. e seguenti, non c’è niente che tu possa fare per tutelarti, nel senso che non esistono modi per recidere, nonostante la situazione e il vissuto di abbandono, il rapporto di parentela tra voi, che è dalla legge posto alla base dell’applicazione della normativa relativa.

C’è da dire che oggi una applicazione, almeno una applicazione pura e semplice, dell’istituto degli alimenti è piuttosto rara, per via dell’esistenza di molteplici provvidenze da parte dello Stato e degli enti pubblici per coloro che si trovano in stato di bisogno, cui tuo padre attingerebbe prima di venire a rivolgersi eventualmente a te.

Inoltre, la regolamentazione degli alimenti è comunque ben dosata e calibrata, considerando anche la situazione economia della persona tenuta all’obbligo.

In una situazione come la tua, onestamente io al momento non farei niente. Se proprio vuoi, si può approfondire il secondo aspetto, quello relativo agli altrimenti, per capire se e come potrebbe essere applicato in una situazione come la vostra.

Se vuoi procedere con questo approfondimento, o vuoi comunque consulenza o assistenza professionale da parte mia, chiama il numero dello studio 059 761926 e prenota il tuo appuntamento.

Iscriviti comunque oggi stesso al blog in modo da ricevere in futuro del tutto gratuitamente contenuti come questo, utili per orientarti meglio nella tua vita in relazione alle situazioni legali che puoi trovarti ad affrontare.

Categorie
diritto

Mi risposo e compro casa: come lasciarla a mia figlia?

io ed il mio nuovo compagno vorremmo sposarci. Abbiamo entrambi dei figli da precedenti relazioni (la mia convivenza, la sua matrimoniale). Acquisterò, solo io, un’immobile con l’aiuto dei miei genitori e naturalmente vorrei che rimanesse di esclusiva proprietà di mia figlia dopo la mia morte. Cosa posso fare per tutelare i suoi interessi? Basterà la separazione dei beni ed un lascito testamentario con dichiarazione di rinuncia da parte del mio futuro marito oppure ci sono altre soluzioni?

[la risposta è nel podcast]

Categorie
diritto

La mia seconda moglie può rinunciare alla mia eredità controfirmando il mio testamento?

sono vedovo con un figlio, sono proprietario di una casa . Vorrei sposarmi nuovamente con separazione dei beni. in caso di mia morte la mia seconda moglie avrebbe diritto ad una percentuale sulla casa? e’ possibile fare prima un testamento controfirmato dalla mia seconda moglie che prevede di lasciare il 100% a mio figlio? potrebbe essere impugnato?

Sì, la tua seconda moglie sarebbe una tua erede necessaria, a prescindere dal regime patrimoniale adottato per la vostra famiglia, cioè se comunione o separazione dei beni, che non ha rilevanza sotto questo aspetto.

Purtroppo, una sottoscrizione del testamento da parte di tua moglie non avrebbe alcun valore perché fatta in violazione del divieto dei patti successori e sarebbe sicuramente nulla, anzi probabilmente renderebbe invalido l’intero testamento.

Nel nostro Paese, infatti, è vietato disporre, in qualsiasi modo, anche per rinuncia, di una successione non ancora aperta, cioè di una persona ancora in vita.

Ti consiglierei di parlarne con un avvocato, anche se gli spazi per quello che volete fare sono abbastanza ridotti e non è sicuro che si trovi una strada per praticarli in modo sicuro.

Categorie
diritto

Posso escludere il mio nuovo coniuge dalla mia eredità a favore della mia figlia di primo letto?

Possibili diritti successori solo alla figlia escludendo il coniuge? Situazione: Divorziata dal 2009 con una figlia 22enne universitaria convivente. Se mi risposassi civilmente e con separazione dei beni con un vedovo (ha anch’egli un’unica figlia maggiorenne) per escludere reciprocamente le proprie proprieta’ ,in caso di decesso di un coniug, dalla successione all ‘altro/a , esiste come validita’,oltre al testamento in favore totale dei beni alle rispettive uniche figlie , la possibilita’ di una scrittura privata che escluda il diritto (a meno che il superstite non vi rinunzi, come auspicabile) alla” legittima” di un terzo del patrimonio ?La legittima, in tal caso, potrebbe sempre essere impugnata dopo il decesso? O quale altro escamotage esiste ,escludendo per motivi di libera gestione del proprio bene immobile in vita, l’intestazione di nuda proprieta’ alla figlia riservandosi l’usufrutto?

Non si può fare. Il coniuge è erede necessario, nei limiti della quota vincolata, e qualsiasi scrittura privata, o anche atto pubblico, per quel che ci interessa, sarebbe radicalmente nulla per violazione del divieto dei patti successori. Per legge, se ti risposi non puoi escludere questi effetti che derivano automaticamente dall’acquisto della qualità di coniuge. Esaminando la situazione in dettaglio, forse si possono raggiungere più o meno gli stessi effetti anticipando gli effetti della successione, per così dire, ovviamente tutelandosi, come ad esempio cedendo uno o più beni alla figlia con riserva di usufrutto, ma sono ipotesi da valutare molto approfonditamente, anche perché se realizzate in forma di donazione in sede di apertura della successione bisogna tenerne conto.