Categorie
diritto

Matrimonio celebrato all’estero e regime patrimoniale: è comunione.

io sono del Marocco sono sposata nel Marocco e mio marito marocchino,io ho doppia cittadinanza, la mia domanda io voglio fare la separazione,vorrei acquistare una casa solo con il mio nome vorrei sapere prima se dopo come funzione la divisione comune del bene o separazione del bene? Il fatta che abbiamo fatto il matrimonio in Marocco come funziona la separazione in italia a rischio di perde la casa che devo acquistare il fatto che non ancora siamo separati

Se ti sei sposata in Marocco, il regime patrimoniale della tua famiglia, a seguito della trascrizione in Italia del matrimonio marocchino, è quello della comunione dei beni, che è il regime di «default» in Italia.

Se uno vuole sposarsi all’estero, infatti, e avere il regime della separazione dei beni devi fare, prima di andare a celebrare il matrimonio, una convenzione matrimoniale presso un notaio in Italia, prescrivendo che appunto, in caso di celebrazione del matrimonio, il regime patrimoniale dei coniugi sia quello della separazione anziché quello, previsto un automatico, della comunione.

Ad ogni modo, se acquisti una casa adesso diventa di proprietà anche di tuo marito.

Per evitare ciò, ci sono due possibilità.

La prima è fare la separazione personale dei coniugi, che determina lo scioglimento della comunione.

La seconda è passare dal regime patrimoniale di comunione a quello di separazione dei beni. Per questa seconda eventualità, occorre andare da un notaio ed occorre ulteriormente che tuo marito venga a firmare.

A mio giudizio, non vale assolutamente la pena fare l’operazione dal notaio. Se non vai più d’accordo con tuo marito e vuoi la separazione, meglio fare direttamente la separazione, che può essere anche consensuale, formalizzata tramite un accordo in house, senza bisogno di andare in tribunale.

Se vuoi approfondire ulteriormente la questione, ed eventualmente procedere, chiama ora lo studio al numero 059 761926 e prenota il tuo primo appuntamento, concordando giorno ed ora con la mia assistente; puoi anche acquistare direttamente da qui: in questo caso, sarà poi lei a chiamarti per concordare giorno ed ora della nostra prima riunione sul tuo caso; a questo link, puoi anche visualizzare il costo.

Naturalmente, se vivi e lavori lontano dalla sede dello studio – che è qui, a Vignola, provincia di Modena, in Emilia – questo primo appuntamento potrà tranquillamente avvenire tramite uno dei sistemi di videoconferenza disponibili, o anche tramite telefono, se lo preferisci. Ormai più della metà dei miei appuntamenti quotidiani sono videocall.

Guarda questo video per sapere meglio come funzionerebbe il lavoro con me.

Ti lascio alcuni consigli finali che, a prescindere dal problema di oggi, ti possono sempre essere utili.

• 👋 Entra oggi stesso nelle community degli avvocati dal volto umano: su telegram e su facebook e facebook;

• 📺 Iscriviti subito al canale YouTube degli avvocati dal volto umano e al podcast dove trovi altri contenuti, sempre gratuiti e utili per capire come meglio gestire e soprattutto prevenire i problemi legali.

• 📧 Iscriviti oggi stesso, in ogni caso, al blog in modo da ricevere, sempre gratuitamente, futuri contenuti come questo, utili per sapere come meglio gestirsi nelle situazioni legali della vita di tutti i giorni. Per iscrivrerti al blog, vai in fondo alla pagina e inserisci la tua mail nella casellina, ricordati di dare poi conferma nella mail.

• 😍 Metti «like» adesso, se ti è piaciuto questo post, e lascia un commento se vuoi dire la tua, risponderò volentieri; condividi liberamente, in qualsiasi modo, questo post se pensi che possa piacere o interessare a qualcun altro.

• 🎁 Valuta una assicurazione di tutela legale: la prossima volta che incontri un problema potresti gestirlo molto più agevolmente e a costo zero.

• ⚖️ Sei un avvocato? Iscriviti subito alle risorse gratuite di «fare l’avvocato è bellissimo»:

blog

canale youtube

podcast

instagram

tiktok

– community

• su telegram

fare l’avvocato è bellissimo

avvocati dal volto umano

• su facebook

fare l’avvocato è bellissimo

separazione, divorzio, affido

avvocati dal volto umano

t

Categorie
diritto

Dopo i provvedimenti presidenziali posso trasferirmi altrove coi figli?

Sono una mamma di 2 bambini di 8 e 5 anni mi sto separando da mio marito e stiamo facendo una separazione giudiziale, entrambi vogliamo l’affidamento dei bambini.Il presidente del tribunale ha emesso un provvedimento provvisorio dove colloca i bambini presso la mia residenza.
Io ora ho trovato un lavoro ben retribuito che però dista 60km di distanza da dove abitiamo ( noi siamo in una piccola valle e il mio lavoro è in città).
Volevo sapere posso trasferirmi in città senza che il mio ex marito melo proibisce?

Ne abbiamo parlato dozzine di volte nel blog, sia nei post che nei commenti, per cui innanzitutto ti invito a fare a ricerca tra il materiale già pubblicato.

Nel tuo caso, di particolare c’è da dire che, essendo stati già emessi i provvedimenti presidenziali, il «titolo» o provvedimento che regola la famiglia sono proprio quelli, per cui la prima cosa da guardare è quella, cercando anche di capire la formula di affido impiegata, che tu non menzioni nemmeno e che è invece fondamentale per capire quali sono i «poteri» di ciascun genitore.

In generale, a mio giudizio, ogni cambiamento di residenza dei minori di questo tipo deve essere autorizzato dal giudice, previa verifica che il trasferimento risponda al loro interesse, sotto il profilo di far loro «guadagnare» un luogo con maggioro o almeno pari opportunità di istruzione, svago, futuro lavorativo e così via, cosa che può avvenire solo dimettendo un apposito progetto per la vita dei figli dopo il trasloco che consenta al giudice di valutare la situazione.

Questa autorizzazione può essere richiesta anche al giudice istruttore cui si dovrebbe trovare attualmente pendente la causa di separazione, dopo la fase presidenziale.

Ti consiglio comunque di fare con tuo marito un ciclo di sedute da un mediatore familiare, in cui potrete affrontare sia questo che tutti gli altri aspetti della separazione.

Categorie
diritto

Come gestire la casa in comune ora che mi separo?

ho intenzione di separarmi da mio marito e, al di là degli aspetti legati strettamente alla separazione, non so come fare con la casa.
Abbiamo acquistato l’immobile dove viviamo nel 2008, con un mutuo di 150 mila euro per 30 anni rata fissa e taso variabilie. Il mutuo è intestato a mio marito così come l’intera proprietà dell’appartamento. Io sono il garante del mutuo e pago mensilmente la mia quota, poichè ci siamo divisi l’onere, pur non essendo a me cointestato il mutuo. (effettuo un bonifico ogni mese a favore di mio marito). Come si risolve il problema del pagamento mensile della rata nel caso io decida di andare a vivere in affitto da un’altra parte (ammesso che mi convenga)? e come si risolve il problema del garante nei confronti della banca? siamo sposati dal 2009 e siamo in regime di separazione dei beni.

Se non avete figli che possano determinare un provvedimento di assegnazione della casa coniugale, il problema si può risolvere solo, a mio giudizio, tramite un approccio negoziale. Da questo punto di vista, bisognerebbe capire qual’è il «clima» che c’è tra voi due e quali sono, di conseguenza, le possibilità di una soluzione consensuale o meno. Se vi fossero buone possibilità di una separazione appunto consensuale, pur non facendo le questioni patrimoniali parte in senso stretto, come hai giustamente intuito, della materia, in quella occasione potrete regolare la questione adottando la soluzione che preferite.
Di solito in questi casi le possibilità sono diverse: o un coniuge acquista la metà di proprietà dell’altro, operazione che peraltro si può fare solo dopo l’omologa in caso di consensuale se i coniugi sono in regime di comunione dei beni, oppure si vende ad un terzo e si divide il ricavato. Naturalmente, i rapporti con la banca che ha concesso il mutuo andranno regolati a parte, l’istituto di credito non ha nessun obbligo di tener conto della vostra separazione. Se tu volessi mai essere liberata come garante, occorrerebbe sempre il consenso della banca, che la banca immagino presterebbe solo presentandogli nuove ed ulteriori garanzie. È comunque anche questo un aspetto da vedere con un approccio negoziale, l’unico praticabile.