passare dall’affido esclusivo a quello congiunto

Buongiorno nel maggio 07 mi è stata omologata una sentenza di separazione consensuale dove prevede l’affido esclusivio del bambino di 6 anni alla ex moglie e dove io dovrei vederlo solo in presenza sua ogni 15gg.Ora premetto che non sono un pregiudicato,un violento o drogato,ma ho firmato erroneamente in quanto la ex mi dava il 60% della casa di sua proprietà dopo la vendita in quanto lei si è trasferita dalla madre.Gentilmente posso modificare l’affidamento del bambino, tipo una stettimana da me e una da lei,o almeno che non sia esclusivo e con la sua presenza,nel frattempo lei me lo fa vedere quando vuole tipo adesso è un mese mezza giornata.Come e in quanto tempo, posso ricorrere,e le speranze di successo, io l’ho querelata per mancata esecuzione dolosa di un provv.del giudice. Grazie di cuore papà disperato (Antonio, via mail)

A mio avviso i presupposti dovrebbero esserci – ovviamente stando alle poche cose che ci dici – anche in virtù del fatto che il regime ordinario oggi è quello dell’affido condiviso.

Se vuoi un preventivo gratuito per la Tua pratica scrivici. A mio avviso, nel Tuo caso, il forfettone è il metodo di pagamento migliore.

Per il resto, ti rimando alla lettura della nostra scheda pratica.

Ti è piaciuto il post? Usa qualche secondo per supportare Antinisca Sammarchi su Patreon!

2 commenti su “passare dall’affido esclusivo a quello congiunto”

  1. Antinisca Sammarchi

    E' quasi impossibile oggi – con l'attuale legge – ottenere l'affidamento esclusivo di un figlio: devono poter essere dimostrate gravi inadempienze al carico del genitore 'latitante' e, nonostante ciò, non è detto che lo diano.

    Se, obiettivamente, il padre lavora all'estero è difficile che possa rispettare i diritti di visita settimanali, bisogna però vedere se quando è in Italia chiede di stare con i figli e di vederli più spesso.

  2. mi riallaccio a questa domanda per ribadire la mia in senso inverso: si può invece passare da affidamento condiviso a affidamento esclusivo? Il padre è infatti inadempiente su tutto (a parte il modesto mantenimento) con la scusa del lavoro (non in pianta stabile, ma temporaneo) all'estero.
    Può essere la scusante del lavoro una giustificazione a tutto?
    Posso rivolgermi al tribunale dei minori per tutelare il diritto dei figli ad avere un rapporto stabile col padre, diritto oltretutto stabilito davanti al tribunale?

Tu che cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: