Quello dei web developers è un contratto d’opera?

Mi e’ sorto un dubbio sul contratto d’opera e cioe’: nella giungla del web development si possono applicare le stesse regole del contratto d’opera? In particolare l’art. 2224 del c.c. secondo il quale al professionista viene chiesta un’esecuzione della sua attivita’ a “regola d’arte”. Nel caso specifico si tratta solo di una porzione di lavoro (per la quale si chiede che venga eseguita a “regola d’arte) poiche’ al progetto prendono parte altri professionisti (programmatori, grafici ecc.). Pero’ non sono sicura se un web developer, un software engineer, un graphic designer sono prestatori d’opera.

La risposta è positiva, anzi nel caso di artigiani come le figure tipiche di chi lavora nel web come designer, sviluppatore, community manager, progettista e così via sono quasi sempre proprio contratti d’opera, anche se l’inquadramento dipende ovviamente dalle circostanze del caso. Nel caso in cui si tratti di contratto d’opera, si applicano ovviamente le regole relative.

Ti è piaciuto il post? Usa qualche secondo per supportare Tiziano Solignani su Patreon!

Tu che cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: