Categorie
diritto

Il figlio colpevolmente disoccupato va mantenuto ugualmente?

mi e’ stata notificata una sentenza di divorzio datata marzo 2012 in cui il giudice stabiliva come alimenti
1200 € per la ex consorte,€ 1200 x una figlia di 30 anni parcheggiata all’universita’ 12 anni prima in giurisprudenza poi in scienze politiche senza mai aver ottenuto alcun titolo e ciliegina sulla torta € 600
per un figlio che ha lavorato da due anni si e’ licenziato ed attualmente e 3 mesi in brasile a godersi le vacanze e la disoccupazione. oltre l’assegnazione della casa famigliare io ho un altra famiglia mia moglie non lavora e la bambina ha 6 anni .non poso continuare a sopportare economicamente una trattenuta sui miei emolumenti che supera il 50% oltretutto gli aguzzini non pagano affittto nella mia casa mentre io mi faccio carico di spese di affitto della casa dell’ambulatorio etc. cosa si puo’ fare per fare si che i parassiti vivavno uccidendo l’ospite? e’ concepibile uno stato di diritto che non si basi sui fattti ma sulla discrezionalita’ di un magistrato?

La discrezionalità dei giudici è purtroppo ineliminabile in sé, questo in tutte le materia in cui deve applicarsi la legge ma soprattutto nel diritto di famiglia, dove ci sono le situazioni più diverse ed è assolutamente irrinunciabile l’opportunità che le norme giuridiche siano correttamente interpretate, «lette» e applicate modellandole sul caso concreto e le sue peculiarità.

Come spiego meglio nella scheda sul diritto come strumento inadeguato a risolvere i conflitti, che ti invito a leggere, i problemi cagionati dal diritto non si possono risolvere con più diritto, cioè dettando norme via via a maglie sempre più strette in modo da vincolare il giudice, innanzitutto perché un risultato del genere rappresenta solo un’utopia che, a livello fattuale, non sarebbe comunque mai raggiungibile, ma anche perché, quand’anche una situazione del genere si verificasse, essa condurrebbe in molti casi ad ingiustizie enormi.

La realtà è che non si possono risolvere problemi specifici applicando norme scritte prima, è sbagliato, inutile, demenziale, impossibile, per cui una più o meno ampia discrezionalità di chi deve dare il diritto è non solo ineliminabile ma anche opportuna, in alcuni casi anche molto.

Venendo, adesso, al tema più in concreto, per valutare la correttezza o meno della situazione attuale bisognerebbe conoscerla in tutti i suoi dettagli, certo le cifre che indichi sono importanti ma è tutto relativo per cui vanno valutate in relazione al tuo reddito e al tuo patrimonio, rispetto ai quali potrebbero essere congrue.

Se i tuoi figli si trovano in stato di disoccupazione colpevole, inoltre, forse ci potrebbero essere i presupposti per richiedere la diminuzione o la elisione dell’assegno di mantenimento, anche se, in una situazione economica e sociale come la nostra, la valutazione circa la «colpevolezza» o meno del figlio a riguardo è sempre poco facile.

In conclusione, se credi puoi approfondire con un avvocato la possibilità di presentare un ricorso per modifica condizioni, ma si tratta di un’iniziativa non certo semplice o da prendere senza aver prima ponderato molto bene i pro e i contro, come spiego nella scheda relativa, che ti invito a leggere con attenzione.

Ti è piaciuto il post? Usa qualche secondo per supportare Tiziano Solignani su Patreon!

Di Tiziano Solignani

L'uomo che sussurrava ai cavilli... Cassazionista, iscritto all'ordine di Modena dal 1997. Mediatore familiare. Counselor. Autore, tra l'altro, di «Guida alla separazione e al divorzio», «Come dirsi addio», «9 storie mai raccontate», «Io non avrò mai paura di te». Se volete migliorare le vostre vite, seguitelo su facebook, twitter e nei suoi gruppi. Se volete acquistare un'ora (o più) della sua attenzione sui vostri problemi, potete farlo da qui.

4 risposte su “Il figlio colpevolmente disoccupato va mantenuto ugualmente?”

Il lavoro ke sta facendo con le persone qualsiasi mai conosciute è grandioso! Encomiabile!!!! Se fosse credente, uno dei primi posti in paradiso, lo guadagnerebbe sicuramente!!! (y)

Io lavoro come terapeuta familiare, a stretto contattto anche con vari avvocati, e sono fermamemnte convinta che la legge non potrà mai regolamentare le relazioni familiari ed i sentimenti ch elegano le persone. Credo che dietro certi tipi di cause, ricorsi e quindi sentenze, ci sia grossa confusione sulle relazioni genitori/figli, genitore vs genitore, moglie / marito vs ex : se non ci si ascolta prende il sopravvento la parte razionale e diventa solo una questione di soldi e basta! molte persone prese dal senso di colpa tamponano con i soldi e si perdono la bellezza della battaglia sui sentimenti umani. Fare il genitore è la più grande assunzione di responsabilità che possa capitare, ma credo sia adeguato coinvolgere anche i figli in questo, trasmettere l’idea che debbano partecipare e condividere .. forse in questo caso specifico c’è stata un pò di confusione per svariati motivi, farei un passo indietro e lascerei i soldi sullo sfondo! appariranno altre figure: un papà, dei figli, degli esseri umani che hanno voglia di essere anche felici! buona giornata! Giovanna

Tu che cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: