Utero in affitto: un abominio inaccettabile.

La legge Zan serve a consentire a due ghei di farsi fabbricare un bambino
sfruttando una donna povera e il suo bisogno di soldi, condannandolo a
vivere la sua vita intera senza padre o senza madre.

É abbastanza chiaro così?

Non è un peccatuccio, é un abominio immondo.

Non c’è nessun amore, non ci sono diritti, non ci sono sorrisi. Sono solo i
più potenti, che per il loro mero egoismo, sfruttano i più deboli e gli
indifesi.

In una società normale, tutti i cittadini, nessuno escluso, si
solleverebbero contro una cosa del genere, perché i bambini non si devono
toccare, mai.

Nella nostra società marcia, c’è persino qualche diversamente pensante che
riesce non solo a giustificare una cosa del genere, ma a sostenerla
giulivamente come se fosse una cosa buona, auspicabile e di fronte alla
quale dovremmo tutti, se abbiamo un cuore, commuoverci.

Lasciate stare i bambini, lasciate stare le donne.

Questo è tutto quello che c’è da dire in questa ennesima giornata
internazionale dell’ONU, che é solo l’ennesima minchiata perché tutte le
giornate, nessuna esclusa, sono solo di Dio.

Conclusioni

  • Iscriviti al blog per non perdere il fondamentale post del giorno tutti i
    giorni, dal lunedì al venerdì

  • Se pensi che questo post possa essere utile a qualcun altro condividilo.

Ti è piaciuto il post? Usa qualche secondo per supportare Tiziano Solignani su Patreon!

2 commenti su “Utero in affitto: un abominio inaccettabile.”

  1. Hai tanta ragio e ma nessuno ti/ci ascolta.Vincono loro che sono pieni di soldi siano ghei o trans o altro.E’il dio denaro che comanda e vince!

Tu che cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: