5 cose sul recupero crediti.

1) Deve sempre essere preceduto dalla valutazione della solvenza del debitore, cioè la presenza di sostanze aggredibili con pignoramenti.

2) Inizia sempre con l’invio di una diffida cioè una richiesta di pagamento dell’avvocato di solito via PEC.

3) Può essere fatto con un ricorso per decreto ingiuntivo, un modo più veloce di ottenere il recupero.

4) Le spese di recupero le deve anticipare intanto il creditore, ma possono essere recuperate in seguito.

5) Non ha quasi mai rilevanza penale e dunque non possono occuparsene Carabinieri, Polizia o Guardia di Finanza.

?? per approfondire 0??5??9?? 7??6??1??9??2??6?? whatsappa oppure chiama per concordare un appuntamento in studio o a video ?

Ti è piaciuto il post? Usa qualche secondo per supportare Tiziano Solignani su Patreon!

6 commenti su “5 cose sul recupero crediti.”

        1. Questa é una situazione completamente diversa dal comune recupero crediti, dopo l’istanza di rimborso puoi far fare da un avvocato una diffida tramite PEC, dopodiché bisogna approfondire per vedere quale strumento utilizzare.

Tu che cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: