Categorie
diritto

Cavalcaferrovia non ben progettato: che fare?

Come agire contro un’opera pubblica pensata un po’ troppo a vanvera?

Vicino alla nostra cascina c’è una strada demaniale a uso pubblico con traffico realmente ridotto e quasi esclusivamente agricolo, interrotta da un passaggio a livello ferroviario. Nell’ambito dell’eliminazione dei PL da parte di RFI ci è stato sottoposto un progetto di cavalcaferrovia sproporzionato, ma soprattutto fuori logica per il rispetto dei terreni che attraversa (più lungo di quello che potrebbe essere e che rovina i terreni attraversandoli a metà senza alcuna considerazione dei confini). Abbiamo scritto più PEC a RFI proponendo altre direzioni con minor uso del terreno (e probabilmente meno costi) ma non abbiamo mai avuto risposta. Ora il comune ci ha dato l’opera per definitiva e in procinto di partire (nonostante un incaricato RFI mi abbia detto a voce che sono ancora possibili variazioni). Inoltre il comune non ha effettuato impatto ambientale su tale opera essendo su una strada non provinciale.

In risposta alla situazione descritta:

1) RFI deve essere messo in guardia, magari con una diffida, circa la scelta di un cavalcaferrovia sproporzionato, poiché potrebbe compromettere i terreni attraversati e danneggiare la proprietà delle persone coinvolte. RFI deve essere consapevole delle leggi in materia di impatto ambientale e deve prendere in considerazione le possibili conseguenze negative che potrebbero derivare dall’utilizzo di un cavalcaferrovia sproporzionato.

2) RFI deve considerare le alternative proposte dalle parti private, poiché potrebbero avere meno impatto sui terreni attraversati, con conseguente risparmio di costi. RFI deve valutare attentamente tutte le alternative proposte, prendendo in considerazione non solo gli aspetti economici, ma anche quelli ambientali ed etici.

3) Il comune non ha effettuato un’analisi ambientale sull’opera, in violazione delle leggi relative all’impatto ambientale. Ciò comporta una ben possibile responsabilità nei confronti delle persone colpite dagli effetti dell’opera, che devono essere adeguatamente tutelate.

4) La mancanza di risposta da parte di RFI alle proposte alternative suggerisce una mancanza di volontà di considerare altre possibilità. In tal caso, RFI è tenuto a prendere in considerazione le proposte alternative e a fornire una spiegazione dettagliata delle ragioni per cui le stesse non sono state prese in considerazione.

5) La decisione del comune di procedere con l’opera nonostante le possibili variazioni suggerite da un incaricato RFI potrebbe forse essere considerata un «abuso di potere». In tal caso, le persone interessate potrebbero ricorrere al tribunale per richiedere un risarcimento per i danni subiti.

Se vuoi procedere con un approfondimento o una diffida, chiama lo studio al numero 059 761926 e prenota il tuo primo appuntamento, concordando giorno ed ora con la mia assistente.

Puoi anche acquistare on line direttamente da qui: in questo secondo caso, sarà lei a chiamarti per concordare giorno ed ora della nostra prima riunione sul tuo caso. Aprendo questo link, senza obbligo di acquisto, puoi anche visualizzare il costo.

Naturalmente, se vivi e lavori lontano dalla sede dello studio – che è a Vignola, provincia di Modena, in Emilia, questo primo appuntamento potrà avvenire tramite uno dei sistemi di videoconferenza disponibili, o anche tramite telefono, se lo preferisci. Per inviarmi i documenti, potrai usare questa semplice guida.

Se vuoi sapere più in particolare come funziona una consulenza con me, puoi guardare questo video.

Iscriviti oggi stesso, in ogni caso, al blog in modo da ricevere, sempre gratuitamente, tutti i futuri contenuti come questo, utili per sapere come meglio gestirsi nelle situazioni legali della vita di tutti i giorni.

Iscriviti anche al podcast e al canale YouTube, dove trovi altri contenuti, sempre gratuiti e utili per capire come meglio gestire e soprattutto prevenire i problemi legali.

Ti è piaciuto il post? Usa qualche secondo per supportare Tiziano Solignani su Patreon!
Become a patron at Patreon!

Di Tiziano Solignani

L'uomo che sussurrava ai cavilli... Cassazionista, iscritto all'ordine di Modena dal 1997. Mediatore familiare. Counselor. Autore, tra l'altro, di «Guida alla separazione e al divorzio», «Come dirsi addio», «9 storie mai raccontate», «Io non avrò mai paura di te». Se volete migliorare le vostre vite, seguitelo su facebook, twitter e nei suoi gruppi. Se volete acquistare un'ora (o più) della sua attenzione sui vostri problemi, potete farlo da qui.

Tu che cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.