Categorie
diritto

Perché non mi hanno comunicato che c’era un procedimento penale a mio carico?

mi sono trovato iscritto sul registro 335 ..con procedimenti art.594 e 612 commessi in aprile 2010 ..Questa persona zio della moglie entrato in giardino di casa nostra ha detto che io l’ho minacciato dicendogli : se avessi un coltello ti taglierei il collo più ingiurie con testimone la cugina di mia moglie figlia di un altro suo zio ….adesso questa denuncia o querela è stata fatta dai carabinieri …la domanda è : perché i carabinieri non mi hanno interpellato ? quanto tempo deve trascorrere per prescrizione visto che a tuttoggi non mi è mai giunta nessuna notifica o avviso

Non è previsto che venga mandato nessun avviso, la stessa famosa informazione di garanzia viene mandata solo quando nel procedimento penale si deve compiere un atto, come ad esempio l’interrogatorio, che richiede la presenza di un difensore, mentre se atti di questo genere non vengono compiuti il procedimento rimane pendente senza alcun obbligo di avvisare l’indagato, che, spesso, viene a sapere dell’esistenza del procedimento tipicamente in sede di richiesta di proroga delle indagini preliminari.

Per quanto riguarda la prescrizione, si tratta di un calcolo complesso che va condotto documenti alla mano, vedendo per che reati e quali circostanze esattamente è pendente il procedimento ed è un aspetto comunque limitato perché l’imputazione può variare.

Io ti consiglierei di rivolgerti al più presto ad un legale per definire una valida strategia difensiva.

Categorie
diritto

L’istanza del 335 dopo quanto tempo è bene presentarla?

Una persona che viene a conoscenza di un presunto reato nei suoi confronti, ha tre mesi di tempo per presentare una querela. Se viene posta ai Carabinieri, loro hanno 48 ore di tempo per trasmetterla al PM, che deve iscriverla nell’apposito registro. Tuttavia, quest’ultimo non ha un limite di tempo preciso per farlo: quindi, nonostante una persona sia stata querelata e richiedesse il certificato 335 c.p.p. alla Procura della Repubblica (presso il Tribunale della parte offesa), in esso potrebbe risultare “nulla” perché le indagini preliminari non sono ancora iniziate. Inoltre, la risposta sarebbe la medesima anche nel caso di indagini già concluse.
Detto ciò, affinché l’esito del certificato possa essere affidabile, c’è un intervallo di tempo per fare la richiesta o è raccomandato farla ad intervalli regolari? In quest’ultimo caso, per quanto tempo sarebbe ragionevole farle?

Noi di solito consigliamo di presentare una domanda un mese o due dopo la data di riferimento, cioè di avvenuta commissione del fatto o presentazione della querela.

Nel caso non risultasse nulla, sarebbe opportuno, specialmente in presenza di circostanze che indicano come verosimile l’avvenuta presentazione di una querela o denuncia, ripetere dopo un’altro mese o due, l’istanza.

Per un approfondimento maggiore sullo stato del singolo procedimento, è poi preferibile incaricare un avvocato che, nel rispetto del segreto delle indagini, possa parlare con le Autorità e i funzionari degli uffici per cercare di capirne di più.

Categorie
diritto

Mi faranno il processo se ho rubato un oggetto del valore di soli 3 euro?

mi hanno beccato che rubavo un oggetto del valore di 3€
sono pentito del gesto.
La guardia giurata mi ha portato in una stanza, ho tirato fuori l’oggetto e me lo hanno fatto pagare.
non mi hanno preso documenti e non hanno chiamato nessuna forza dell’ordine.
dopo due giorni mi serviva una cosa in quel negozio e sono riandato ho pagato tutto e la guardia mi ha detto a voce abbiamo i video mandiamo tutto ai carabinieri con il riconoscimento facciale ti chiameranno loro appena ti rintracciano.
Cosa devo fare?è vero quello che mi hanno detto?Nonostante ho pagato l’oggetto dopo il brutto gesto vado incontro a una denuncia con le telecamere?

Ovviamente io non posso sapere che cosa faranno queste persone, è una loro facoltà scegliere se presentare la denuncia o meno.

Ti consiglierei di consultare la nostra scheda pratica sul taccheggio, che spiega tutto quello che c’è da fare in casi come questo.

Vista la particolare tenuità del valore dell’oggetto sottratto, forse si può chiedere una formula assolutoria facendo riferimento alla figura del *reato impossibile*, prevista dal nostro codice penale.

Questo è ovviamente solo uno spunto, di cui dovrai parlare con il tuo avvocato nel caso in cui il procedimento andasse avanti.

Ti consiglierei, in conclusione, di aspettare un paio di mesi e poi presentare un’istanza del 335.