Categorie
diritto

Diritto alla casa: se ci sono dei figli viene meno?

come posso fare appello al mio diritto alla casa al mio comune di residenza se questi mi rispondono che sono i miei figli che mi devono aiutare? N.b. sono un invalida civile al 50 per cento non ho lavoro non ho casa e il comune mi ha dato una residenza fittizia

La descrizione del caso è davvero troppo sintetica per poter dare una risposta utile, ma si può tentare di fare qualche riflessione generale, per quel poco che può valere.

Molti regolamenti comunali in materia assistenziale prevedono la rilevanza della presenza o meno di familiari in grado di prestare assistenza, richiedendo un loro contributo o determinando un posto più basso in graduatoria per l’assegnazione di benefici a quelle persone che appunto avrebbero dei parenti tenuti agli alimenti ai sensi degli artt. 433 e ss. cod. civ..

Questo potrebbe essere il tuo caso, che comunque andrebbe approfondito molto più accuratamente, vedendo cosa prevede il regolamento del tuo comune di residenza e comparandolo con la tua situazione familiare in concreto.

Per fare questa cosa, ti servirebbe un avvocato, che poi potrebbe attivarsi svolgendo attività sia presso il comune sia presso i figli per vedere se si riesce, magari col contributo di tutti, a trovare una soluzione.

Categorie
diritto

Sono in stato di bisogno: mi spetta un mantenimento?

ho 34 anni, a 25 anni sono andata a convivere, ho aperto partita IVA e ho iniziato a lavorare facendo la Cartomante. Sino all’arrivo della crisi che mi ha portata a chiudere purtroppo il tutto.ho vissuto poi da sola un anno,senza prendere residenza, o domicilio in comune.ho lavorato in bar, in “nero” per mantenermi,era il 2012. Anno in cui ho avuto la meningite batterica, ho rischiato la vita. ero sola,zero contatti con la mia famiglia per oltre un anno, andai via mio padre picchiava. tornai a casa dei miei genitori nel maggio del 2013,una mia amica gli disse che stavo molto male di salute.In questi tre anni vivendo con loro, fra tante visite mediche, problemi alla colonna vertebrale,quasi mi impediscono di camminare,ho dovuto annullarmi, tante umiliazioni,non posso lavorare,mi danno solo il mangiare, vestiti o altro,nulla.Vorrei sapere che diritti ho,la prego mi aiuti a sapere se ho diritto a un “mantenimento” mensile

Potresti avere diritto al mantenimento in base alla disciplina sugli alimenti di cui agli artt. 433 e seguenti del codice civile.

Quindi non al mantenimento dovuto dai genitori ai figli quando questi non sono ancora autosufficienti, durante la fase della crescita, ma al mantenimento dovuto non solo ai figli, ma ad un certo novero di parenti, definito dall’art. 433 già citato, nel caso in cui vengano a trovarsi in stato di bisogno.

Ovviamente, lo stato di bisogno, che è il presupposto per la richiesta degli alimenti, deve essere valutato con adeguato approfondimento e con il giusto rigore, anche perchè non deve esserci ad esempio capacità lavorativa in capo a te.

Quindi occorrerebbe esaminare la documentazione, anche sanitaria, relativa alla tua situazione.

Peraltro, la normativa sugli alimenti è di non così comune applicazione oggigiorno, dal momento che gli interventi sulle persone in stato di bisogno sono per lo più prodigati dagli enti pubblici preposti.

Come primo passo, pertanto, ti suggerirei di rivolgerti agli assistenti sociali, per poi rivalutare l’ipotesi di richiesta degli alimenti solo in seconda battuta, anche perchè è una strada la cui percorribilità è tutta da verificare.

Categorie
diritto

Sposare un uomo con figli può dare problemi ai miei familiari?

Il mio fidanzato è separato legalmente da anni da una donna con cui ha avuto un figlio ora quarantenne che attualmente ha perso il lavoro.
Da una seconda compagna ha avuto due ragazze ora quasi venticinquenni, una lavora l’altra deve specializzarsi dopo la laurea breve. Ha intenzione finalmente di divorziare e sposarmi.
Lui non ha beni o proprietà tranne la pensione.
La mia domanda è questa: un domani che ci sposassimo le due famiglie possono in qualche modo legalmente rivalersi su di me nel caso lui (il più tardi possibile ovviamente) mancasse?
La mia famiglia ha alcune proprietà frutto di sacrifici e le mie sorelle temono di rimetterci economicamente se loro possono avere dei diritti per farlo.

Con il divorzio, il rapporto di coniugio che ancora sussiste, sia pur affievolito dalla separazione, anche se sono trascorsi molti anni, verrebbe a cessare.

Rimarrebbero, ovviamente, sempre i rapporti di filiazione con il primo figlio e le ulteriori due figlie avute dalla seconda relazione.

In caso di suo decesso dopo il vostro matrimonio, l’eredità del tuo attuale fidanzato e futuro marito verrebbe suddivisa in ragione di 1/3 a te quale moglie e 2/3 ai tre figli – salvo ovviamente che non abbiate ulteriori figli anche voi. A te rimarrebbe, inoltre, il diritto di abitazione sulla casa familiare, sempre che ovviamente ne sussistano le condizioni di legge, tra cui principalmente la proprietà della stessa, aspetto che ho trattato in un precedente post che ti invito a leggere.

Il rapporto che ci sarebbe tra i tuoi parenti come ad esempio le tue sorelle e il tuo futuro marito e i suoi figli sarebbe di affinità. Gli affini in alcuni casi, come quello dei suoceri, sono tenuti agli alimenti (art. 433 cod. civ.), ma non anche in quello dei fratelli del coniuge.

Per cui non vedrei possibili problemi da quel punto di vista, salvo approfondire maggiormente la situazione in concreto in tutti i suoi dettagli, cosa che può dare una sicurezza maggiore.

Categorie
diritto

Cosa posso fare se mio fratello è pieno di debiti?

Attualmente io e la mamma deteniamo l 50% della casa a seguito testamento olografo pubblico lasciato dal papà dove lasciva tutto a me e alla mamma. IL problema è mio fratello. Ha accumulato debiti per oltre 100.000 euro, Ho dei timori incredibili che un domani possano rivalersi su di me se gli dovesse capitare qualcosa ma non solo. La mamma ora ha il dirittto di abitazione e fino a che lei e in vita se lui torna a casa potrebbero pignorare solo i mobili ma se un domani lei manca come mi posso tutelare? So che la casa è bene indivisibile per cui andrebbe all’asta e mi liquidano la mia parte o posso evitare il tutto? Preciso che non dispongo di denaro sufficiente per liquidarlo. Ma voglio tutelarmi e capire visto che non sono garante di nulla quali sono i rischi futuri e a cosa vado incontro. Inoltre se lui morisse i deviti passano a me ?

Il caso non è descritto in modo sufficientemente chiaro o comunque completo, a partire dal testamento, ma anche con riferimento a tutte le altre circostanze di fatto che possono essere rilevanti.

Se avessimo un testamento con cui tuo padre, defunto, ha escluso tuo fratello dalla successione, lo stesso sarebbe innanzitutto impugnabile per violazione della quota vincolata al figlio quale erede necessario, ma questa sarebbe comunque un’iniziativa lasciata all’iniziativa di tuo fratello.

Per il resto, per dare consigli anche solo generici bisognerebbe capire meglio la situazione concreta, cosa al momento impossibile visto che prima parli di un testamento che lascia la casa solo a voi due ma poi mostri di temere che i creditori di tuo fratello possano pignorarla…

Tieni presente che la situazione negativa di tuo fratello se diventasse tale anche a livello personale potrebbe porre un problema di alimenti ai sensi dell’art. 433 ss. cod. civ..

Ti consiglierei di rivolgerti ad un avvocato per acquistare una consulenza in cui approfondire adeguatamente la situazione.

Categorie
diritto

Posso chiedere indietro il mantenimento che ho prestato ai miei fratelli quando erano piccoli?

Mio padre si scappo di casa quando io avevo circa 14, il ché mi fece iniziare a lavorare per mantenere casa, madre e fratelli tutti minori, in seguito dopo 3 anni mia madre ebbe un periodo lavorativo di qualche anno, ma principalmente ho sempre mantenuto tutti io.
La mia domanda:
adesso che i miei fratelli sono maggiorenni e chi con un lavoro e regolare e chi no, posso io chiedere legalmente a loro che mi venga ridato quello che ai tempi ho dato a loro o una parte di ciò, legalmente? , visto che comunque siamo in una situazione burrascosa e io ai tempi comunque ero minorenne per parte del mantenimento, hanno obblighi loro nei miei confronti sia che lavo o che non lavoro? Esite qualcosa del genere.

Per me non puoi chiedere indietro quello che a suo tempo tu hai dato loro come mantenimento, perché probabilmente, essendo voi ai tempi una famiglia, si tratta di obbligazioni naturali, cioè obblighi che una persona non è tenuto ad adempiere ma di cui, una volta che vi dà corso, non può più chiedere la ripetizione.

Inoltre, andrebbero valutati anche i profili relativi alla prescrizione del diritto.

Piuttosto, se ti trovi in stato di bisogno, puoi far riferimento alla solidarietà familiare, la stessa in base alla quale a suo tempo ti sei sentito tenuto a provvedere a tutta la famiglia, in base alle disposizioni sugli alimenti di cui agli artt. 433 ss. cod. civ.

Però queste disposizioni nei riguardi dei fratelli hanno una applicazione limitata al minimo necessario.

Categorie
diritto

Possibile che il giudice ci metta tanto per una sentenza in materia di alimenti?

da quatro anni ho richiesto tramite il mio legale aiuto economico ai miei ter figli ,stante che la mia pensione di vecchiaia di 500 euros mese e insuficiente. Il successore del giudice CROCI (la mia Croce) dopo 4 anni, e oltre sei mesi dallultima udienza del 27 ,9,2013 ancora non si pronuncia. bisogna próprio fare um blog speciale per reclamizzare questa ingiustizia del tribunale di como , che piu che tutelare i diritti degli anziani ho settantotto anni li vuol far morire di inedia sospirando l áiuto da figli indegni di essere nati.
Tu che sei um ecclettico, ,come ti autodefinisci,aiutami a svergognare questa giustizia ipocrita , che si e´attivata rapidamente contro di me ,che senza abitazione,avevo sistemato uma roulotte ,dono di um amico che ad uso abitazione, e che mi e stata asportata dalláutorita di olgiate Comasco impedendomene láccesso, ed impedendomi l´accesso alle cure sanitarie,e facendomi perdere i benefici dela residenza in Itália.

Per poter dire qualcosa sul tuo caso, purtroppo dovrei conoscerlo meglio, a partire da un’analisi del fascicolo e dei documenti di causa.

In mancanza posso solo presupporre che tu abbia fatto una causa per alimenti, ai sensi dell’articolo 433 e seguenti del codice civile.

Da questo punto di vista, peraltro, i tempi sono assolutamente in linea con quelli eccessivamente lunghi del nostro sistema giudiziario.

I giudici avrebbero un termine da rispettare per emettere la sentenza, però è un termine per la violazione del quale non è prevista nessuna sanzione, se non in casi assolutamente gravi l’esposto al consiglio superiore della magistratura, che non credo affatto sia praticabile in relazione ad un periodo di sei mesi.

Bisogna infatti mettersi anche nei panni dei giudici, che hanno un carico di lavoro oggettivamente mostruoso rispetto al numero in cui operano.

Una cosa che forse si sarebbe potuta valutare a suo tempo sarebbe stata la presentazione del ricorso in via di urgenza, al posto del deposito di un atto di citazione per un giudizio ordinario.

Se il ritardo, comunque dovesse superare certi limiti, sappi che puoi sempre chiedere l’equa riparazione, per maggiori dettagli sulla quale ti rimando alla nostra scheda pratica.

In ogni caso, la legge prevede che gli alimenti siano dovuti dal giorno della domanda giudiziale. Per cui, quando uscirà la sentenza, la stessa dovrebbe prevedere il pagamento di tutti gli “arretrati”.

Categorie
diritto

Come gestire un fratello non più autosufficiente con problemi di droga?

Mio padre ha un fratello, senza compagna nè figli, con problemi di dipendenza da droghe e ricevente pensione di invalidità, i genitori sono entrambi deceduti. Questo fratello, purtroppo fa un incidente in macchina pochi giorni fa, viene ricoverato ma “scappa” dall’ospedale. Viene contattato mio padre dai parenti che abitano nei pressi della residenza del fratello (i parenti sono zia anziana con marito e cugini vari) perché nessuno può occuparsi di lui. Mio padre trova una persona poco lucida e assolutamente NON autosufficiente; ma non può occuparsi di lui vista la distanza (noi abitiamo in Veneto, lui in Piemonte) e avendo un’attività e una famiglia da mantenere. In questo caso mio padre che responsabilità avrebbe nei confronti del fratello? Dovrebbe stare lì finché non si trovi una struttura idonea che si occupi del fratello?Potrebbe declinare la responsabilità ai parenti?

La soluzione migliore per un caso come questo è richiedere al giudice la nomina di un amministratore di sostegno.

Dovreste prendere contatto con gli altri parenti che abitano in zona e, eventualmente, presentare il ricorso insieme agli stessi, anche per dividere i costi incaricando ad esempio un unico avvocato e riducendo il numero delle notifiche necessarie.

Se nessuno dei parenti fosse disponibile a svolgere il ruolo di amministratore, verrebbe nominato un professionista operante in zona, di solito un avvocato.

Tieni presente, a parte questi aspetti strettamente gestionali, che tuo padre potrebbe essere chiamato a partecipare economicamente alle spese di mantenimento di suo fratello in virtù delle disposizioni sugli alimenti di cui agli artt. 433 ss. cod. civ., anche se è abbastanza raro che ciò posso avvenire, dal momento che solitamente provvedono i servizi sociali o degli enti preposti, ma non si può mai escludere.

In conclusione, io non trascurerei la situazione. Vi consiglierei di sentire al più presto il parere di un legale.

Categorie
diritto

Come posso sapere a che titolo i miei genitori hanno dato 3 appartamenti a mio fratello?

Non parlo da 15 anni con i miei genitori e mio fratello a causa del mio divorzio: i miei sono ultra-cattolici. Al tempo mi sono trovata letteralmente per strada e in serissime difficoltà economiche: loro non mi hanno mai aiutata né si sono interessati, fino addirittura a sapermi ricoverata in ospedale per un incidente grave e ignorarmi. Io non gli ho mai chiesto nulla, ne sono uscita da sola. Ora apprendo da un conoscente che 5 anni fa hanno (non so con che formula) dato i loro 3 appartamenti e molto denaro a mio fratello, il quale potrebbe a breve metterli in un ricovero e chiedermi un contributo al loro mantenimento lì. Sono obbligata? C’è qualche modo per stabilire che non avendomi aiutato loro, non devo farlo io? E: se mio fratello non mi avviserà della loro morte, c’è qualcuno di istituzionale preposto a farlo tipo l’Agenzia delle Entrate per la successione?

Purtroppo, la prima cosa che bisognerebbe fare è invece proprio vedere con che formula sono state fatte queste cessioni, perché gli effetti giuridici sono diversissimi a seconda che si sia trattato, ad esempio, di una vendita oppure di una donazione. In casi come questi, inoltre, non è raro che si abbiano vendite simulate, con la necessità dunque di valutare anche questi aspetti.

Il primo passo che dovresti fare, dunque, è accertarti con precisione di quello che è successo, iniziando con il recuperare i contratti di cessione che, essendo stati necessariamente stipulati per atto pubblico, puoi recuperare presso i notai nei cui studi sono stati rogati.

Se non hai idea di chi possa essere stato il notaio, o i notai, devi passare prima da una visura sugli immobili presso la conservatoria. Da questa visura risulteranno le ultime vicende traslative e il nome del notaio rogante, al quale potrai chiedere copia degli atti per poi esaminarli con l’assistenza di un avvocato.

La questione degli alimenti, poi, è regolata nel senso che se c’è un donatario questi è tenuto prima degli altri obbligati a prestare il mantenimento, però prima di arrivare a questo bisogna fare tutti gli accertamenti di cui sopra.

Categorie
diritto

La mia ex moglie mi può chiedere il mantenimento arretrato fino a 11 anni?

La mia ex moglie mi chiede il mancato mantenimento di undici anni indietro, voglio specificare che ho le ricevute bancarie che ho sempre versato il mantenimento.(gli anni sono due,2001, 2002) Ma può fare una cosa del genere, anzi mi chiedo il suo avvocato con che criterio mi minaccia con una lettera chiedendomi dei soldi che ho già versato, miei figli sono maggiorenni da anni.

Se hai le ricevute bancarie di pagamento, dov’è il problema? A prescindere da tutto il resto, sarà sufficiente mostrare queste copie. Per completezza, posso comunque dirti che le «rate» mensili di mantenimento si prescrivono con il decorso di 5 anni, anche se il diritto relativo è imprescrittibile. Per quanto riguarda la maggiore età, ovviamente non ha nessuna rilevanza, se non sono ancora autosufficienti, piuttosto bisognerebbe vedere se ancora convivono o meno con tua moglie.

Categorie
pillole

Un altro caso di mancato pagamento degli #alimenti  complicato…

Un altro caso di mancato pagamento degli #alimenti  complicato dalla dimensione internazionale (ma non più di tanto)

come farsi pagare il mantenimento da Londra dall’ex marito tornato in Italia?

Vivo a Londra con mio figlio minore. Suo padre è ritornato a vivere in Italia a nostra insaputa circa due anni fa. Ho cercato di rintracciarlo tramite suoi famigliari che pero’ dicono che non sanno…