Categorie
diritto

Difenditi dal covidismo: passa alla fase del fare.

Un no vax, in fondo, é solo una persona che il governo non é disposto
ad ascoltare e che lo stesso governo anzi vuole non trovi ascolto da
nessuna parte, solo perché la pensa diversamente dalla maggioranza.

Io non credo che nei vaccini ci siano dei microchip per il 5G, ma se,
ad esempio, una persona é davvero convinta di questo va ascoltata per
capirne le ragioni e i punti di vista.

É rimasto celebre l’episodio della paziente che riferiva a Jung di
essere appena tornata dalla luna, con il celebre psicanalista che le
rispose «che bello, anche io avrei sempre voluto andarci».

Poi ci sono tante persone contrarie o dubbiose sulla vaccinazione che
sono mosse da argomenti seri e degni di considerazione, non certo da
logiche da terrapiattisti o di cura dei tumori col bicarbonato, come
ad esempio la carica anticorpale alta per una precedente infezione da
covid.

Anche queste persone non vengono ascolte, né dal governo, né dai
medici di base che vengono tenuti in scacco dalla politica e dagli
ordini professionali che vincolano pesantemente la loro pratica
medica, in palese e aperta violazione della carta costituzionale,
secondo cui la praticamedica deve essere libera.

L’atteggiamento del governo e dei politici in tutto questo é sempre
più quello di dire che i no vax sono dei terroristi.

Addirittura sarebbero stati i no vax, secondo i giornali di oggi, a
mettere un topo morto nel pasto servito ad un paziente del Policlinico
di Modena, per la serie «la sanità é un sistema meraviglioso e di
indiscutibile efficienza, se qualcosa va storto é per forza colpa di
un no vax che fa il terrorista».

Questo è l’esatto contrario dell’ascolto.

Non solo non prendi buona nota delle mie ragioni, per quanto
improbabili possano essere, ma mi etichetti come un criminale per
impedire che le mie ragioni siano ascoltate anche da altri.

Questo, tra l’altro, quando sono due anni che usi i soldi di tutto il
popolo per pagare i media per incutere paura del covid in tutto la
popolazione e sostenere la narrazione ufficiale e del pensiero unico
sulla malattia.

80 milioni di euro pubblici – cioè di tutti noi – distribuiti a
televisioni, giornali, radio, perché ci terrorizzassero e avessimo
paura del covid più che della peste, dell’Ebola, dell’AIDS e
soprattutto dei tumori o degli infarti.

Stanno vincendo con la stessa onestà e con lo stesso spirito di
combattere ad armi pari con cui la Juventus ha vinto molti
campionati…

Ma questo governo senza ascolto, questa politica che non si confronta,
ma criminalizza, in modo gravissimo, chi non si allinea, se oggi
sembra vincera alla lunga perderà.

Sono crollati imperi molto più grandi e potenti in passato, perché di
qualsiasi edificio, se Dio lo vuole, non resta pietra su pietra.

Nel frattempo, chi era dubbioso sulla vaccinazione é diventato, di
fronte non solo alla sordità ma anche alle gravi scorrettezze del
sistema, ancora più restio a lasciarsi inoculare, come avviene in
tutte le situazioni di questo genere.

Per cui i favorevoli alla libera scelta e i veri e propri novax pur
restando una minoranza sono una minoranza sempre più determinata e
motivata.

Domani dovrebbe uscire l’ennesimo decretolegge del governo.

A proposito, apri un qualsiasi libro di storia e potrai leggervi che
una delle caratteristiche del fascismo è stato proprio l’abuso della
decretazione d’urgenza, ennesimo segno che ho proprio ragione quando
dico che la pandefuffa e il covidismo sono il fascismo degli
antifascisti.

Vedremo se e come sarà esteso il regime del greenpass.

É importante per te, comunque, tentare di tutelarti.

Le armi di cui disponiamo sono spuntate, ma sono meglio che niente.

Non affidarti a merdate inutili e dannose come il free pass, fai quel
poco che ha almeno una minima speranza di essere utile.

Consultati con un avvocato, approfondisci la tua situazione, vedi quel
poco che si può tentare di fare e fallo.

É importante passare prima possibile alla fase del fare. Fare non
significa sganciare una bomba, impugnare, andare alla CEDU o fare
altrimenti il fenomeno. A volte può bastare una diffida, almeno per
cominciare.

Ma quel primo passo é importante, anzi è fondamentale.

«Qualunque cosa tu possa fare, qualunque sogno tu possa sognare, comincia. L’audacia reca in sé genialità, magia e forza» (Johann Wolfgang Goethe)

Inizia prima possibile.

Conclusioni

  • Iscriviti al blog per non perdere il fondamentale post del giorno
    tutti i giorni, dal lunedì al venerdì
  • Contattami via whatsapp al 059 761926 o premendo il pulsante verde
    qui a fianco
  • Ti serve un’ora della mia attenzione per un tuo problema legale?
    Clicca qui: blog.solignani.it/assistenza-legale/consulenza/,
    Se pensi che questo post possa essere utile o interessante per qualcun
    altro, condividilo, in tutti i modi che preferisci, anche via mail o
    sui social, mi fa solo piacere
  • Vuoi fare counseling ma vivi lontano? Leggi qui
    blog.solignani.it/2019/05/09/counseling-come-farlo-se-vivi-lontano/
Categorie
benessere

Astrazeneca e decessi: c’è nesso causale.

Il sistema ti vuole bene.

Il giornale é costretto ad ammettere che tra la morte del paziente e il vaccino c’è un nesso causale, ma poi si affanna a ribadire che i vaccini «sono sicuri» – non so con quale logica, sarebbe davvero da chiedere.

Facebook, dove condividi la notizia, si affretta a mettere sotto la placchettina per cui i vaccini sono stati sottoposti a tanti test di qua e di là e che tutto è garantito nientepopodimeno che dall’#OMS.

Quali sono però i fatti che restano?

1) una persona é morta dopo aver ricevuto il vaccino;
2) una equipe di medici legali incaricati nel procedimento penale relativo ha detto e scritto espressamente che tra la morte é il vaccino c’è nesso causale: cioè la morte é stata causata dal vaccino, cioè ancora se non si fosse fatto il vaccino sarebbe ancora vivo.

Abbastanza chiaro?

Chi si prendesse poi la briga di leggere l’articolo vedrebbe che quest’uomo aveva già preso il covid senza accorgersene, restando totalmente asintomatico – e questo è anche un importante profilo di responsabilità dei sanitari e di chi gestisce questa campagna di vaccinazione: prima di vaccinare bisogna vedere se uno il covid l’ha già avuto!

Comunque é morto per vaccinarsi contro una malattia talmente tremenda e inaffrontabile che l’aveva già avuta senza minimamente accorgersene.

Se secondo te è logico, allora va bene.

Vai sempre ai fatti, usa sempre la testa.

Qui si può leggere l’articolo completo.

Categorie
benessere counseling

Dimezzare è bello, azzerare è meglio

Lascienzah, tramite i suoi sacerdoti e i sempre fedelissimi e demenzialissimi media, ci fa sapere quanto segue:

«Una soluzione ai rari casi di trombosi dopo la vaccinazione anti-Covid potrebbe essere quella di dimezzare la dose somministrata»

É una frase che non significa niente, una scoperta che non ha alcuna utilità o rilevanza. Anzi, una vera e propria non scoperta.

Schermata 2021 04 17 alle 18 13 55

«Potrebbe» intanto é condizionale, esprime solo una eventualità, alla faccia delle certezze che si pretenderebbero da lascienzah.

Soprattutto non viene detto quale sarebbe poi l’efficacia del vaccino somministrato a posologia dimezzata, che é il vero primo tema.

Infatti se il vaccino perdesse di (pretesa) efficacia, che senso avrebbe iniettarselo ugualmente in quella forma per un «potrebbe»?

Vuoi vedere che a lascienzah e ai suoi sacerdoti difetta persino la logica elementare?

Personalmente, credo che continuerò a tenere a zero i rischi di trombosi continuando ad iniettarmi il vaccino direttamente a posologia zero: dimezzare é bello, azzerare é meglio.

La soluzione ipotizzata dai ricercatori tedeschi che per primi hanno descritto la possibile reazione immunitaria che causa i coaguli nel sangue dopo la

Categorie
pillole

Articolo che asfalta definitivamente il farma …

Articolo che asfalta definitivamente il farmaco mRNA Pfizer e altri, meglio impropriamente conosciuti come vaccini per il covid.

Te ne consiglio una attenta e accurata lettura.

Purtroppo disponibile solo in Inglese, se non leggi questa lingua puoi provare col traduttore di Google.

Altrimenti ti fai la foto profilo con scritto «io resto a casa per il bene di tutti» e a posto così.

Categorie
news

Vaccino covid obbligatorio: ti sta bene?

Ti sta bene che il vaccino per il covid venga, come è ormai probabile, reso obbligatorio?

Allora questo post non ti interessa.

Se invece hai qualche dubbio sull’opportunità che questo vaccino – creato in fretta e furia, sperimentato pochi mesi, in una situazione surreale e per certi versi enfatizzata ad arte da media e politici – venga iniettato a te e ai tuoi familiari, continua a leggere.

Seguendo le richieste di molti miei clienti, diversi miei abbonati del blog, altri contatti dei social, come te preoccupati dalle possibili conseguenze sulla salute di questo vacceeno, ho creato un gruppo di discussione esclusivo ad accesso riservato.

In questo gruppo, io e te potremo approfondire insieme le possibilità legali di opporsi alla inoculazione contro la volontà del destinatario.

Potrai esporre la tua situazione, i tuoi dubbi, e valutare insieme a me la copertura legale per te e per la tua famiglia.

Naturalmente, con il contributo e la partecipazione di tutti gli altri membri della chat.

Tramite il gruppo avrai anche una prima base per interventi concreti contro tentativi illegittimi di praticare trattamenti sanitari.

Clicca sul link che trovi sotto, selezionando «no vax covid».

Effettua la sottoscrizione: riceverai un invito per partecipare al gruppo.

Entra appena puoi nel gruppo, più saremo, più forza avremo.

Clicca qui: http://www.patreon.com/tsolignani