Categorie
counseling

Houston, abbiamo un problema…

«This is ground control to Major Tom…»

La Cristoforetti capa della stazione spaziale mi fa venire in mente
quella volta in cui prestai la mia cabrio col cambio automatico ad una
donna, di cui é giusto e pio tacere il nome, per andare e tornare da
Vignola a Castello di Serravalle.

La macchina mi fu riconsegnata con un ringraziamento, un sorriso e la
garbata e divertita osservazione per cui, al ritorno, «faceva un
rumorino».

Sul momento non ci pensai, anche perché c’era altro da fare.

Riprendendo la macchina il giorno dopo, notai invece quello che era successo.

Il cambio era stato spostato in modalità manuale – cosa possibile,
anche se per lo più inutile, in molti cambi automatici – e messo in
prima.

Il «rumorino» era il motore imballato fuori giri viaggiando a 60/70 km
all’ora in prima da Serravalle a Vignola.

Questo mi ha fatto capire che non c’è problema meccanico, elettrico, elettronico o di diverso genere così grande che una donna non possa mai completamente ignorare.

Oggi mi chiedo: chissà se le stazioni spaziali hanno un cambio, se è
automatico e, ancora, se é possibile passarlo in manuale…

«Houston, abbiamo un problema»

Conclusioni

  • Iscriviti al blog per non perdere il fondamentale post del giorno
    tutti i giorni, dal lunedì al venerdì
  • Se pensi che questo post possa essere utile a qualcun altro condividilo.
Categorie
pillole

Anche dopo aver sconfitto il Marito, la guerr …

Anche dopo aver sconfitto il Marito, la guerra continua: nuove e ancor più terribili sfide attendono le donne ?

Categorie
pillole

In India, quando si contrae un’obbligazione …

In India, quando si contrae un’obbligazione non si scherza mica. Poi le donne sono evidentemente considerate beni fungibili e, come è noto, «genus numquam perit» | VIA Ciriaco Martino

La sposa muore durante la cerimonia nuziale e viene subito rimpiazzata dalla sorella minore: l'incredibile matrimonio, riportato dal quotidiano Daily Mail, ha avuto luogo ieri nello stato indiano dell'Uttar Pradesh. (ANSA)
Categorie
pillole

Adesso fermi tutti che é il momento dell’ingr …

Adesso fermi tutti che é il momento dell’ingresso della ingiustamente trascurata sino ad ora donna «solo gli inquieti sanno com’è difficile sopravvivere alla tempesta e non poter vivere senza».

Questo ennesimo topos femminile, descritto con le parole di Emily Brontë, non è di poco momento, cari amici!

micapizzaefichi

Categorie
pillole

Le solari hanno anche un inno ufficiale, é be …

Le solari hanno anche un inno ufficiale, é bellissimo, ascoltatevillo ?

Provided to YouTube by CDBabyDonna Solare · DANIELE GASTU SEI STRANA℗ 2005 GASPARIN DANIELEReleased on: 2005-01-01Auto-generated by YouTube.
Categorie
pillole

É un vero peccato che le donne spendano tutt …

É un vero peccato che le donne spendano tutto il loro denaro in shopping quando potrebbero invecchiare, inacidirsi e finalmente compilare un testamento in cui per dispetto lasciano tutto al gatto.

Categorie
pillole

Non tutte le donne del mondo sono solari: lo …

Non tutte le donne del mondo sono solari: lo sono solo le mie.

Fermati ad ascoltare la storia di una terra lontana e del suo crudele monarca.
Categorie
libri

Una terra da cui non si fa mai ritorno.

Ascolta.

Questa é la vicenda di un sovrano, re crudele di una terra lontana.

Il nome di quella landa potrà essere disvelato forse solo dal vento
che, proprio ora, sibila, si lamenta e s’ostina tra le sue torri.

Ghiotto di storie, forse ancor più di Shahriy?r, quel monarca invia
tutte le notti le sue guardie in Europa.

Le manda alla ricerca di coloro che sono dotate del solo ed unico
potere inestinguibile dell’affabulazione: le donne.

Quei gendarmi che vengono da lontano si acquattano così, calando piano
con la mano le spade perché non cozzino col terreno,
ed iniziano ad ascoltare sotto le case.

Se non è altro che silenzio quel che odono, subito si alzano e,
pagando con altrettanto silenzio, si raccolgono lungo le mura della
casa successiva, prestano l’orecchio, tentano di udire.

Quando sentono una donna che parla, si fermano.

Analizzano durata e contenuti di tutti i discorsi, elaborano,
valutano, quantificano.

Devi sapere, infatti, che questi gendarmi non sono appuntati,
brigadieri o marescialli dei carabinieri.

Sono truppe istruite.

Sì, sanno usare la spada, ma il re ha messo loro in mano anche tanti
libri, li ha spediti all’università.

Sono la guardia personale di un re avido di racconti.

Quando trovano la donna giusta, la rapiscono.

Ma, a differenza di quello che fecero i Romani, che delle Sabine
avevano bisogno soprattutto dell’utero, l’organo che le guardie del re
sequestrano é il cervello.

Usando un’antichissima alchimia del ferro e dell’oro, estraggono il
cervello e lasciano qua il corpo delle donne che, grazie alla potenza
di quegli incantesimi, continua a vivere.

Solo così il sovrano crudele può pascersi ogni sera col racconto di
una storia diversa, cullato dai pensieri acuti, divertenti, vibranti,
sfiziosi, creativi e stimolanti di milioni di cerebri femminili ben
nutriti ed oliati.

Intanto, anche i corpi rimasti in Europa continuano a parlare e noi li
possiamo udire pronunciare frasi come:

  • «sono una donna solare»
  • «regala la tua assenza a chi non dà valore alla tua presenza»
  • «per fortuna, ho finalmente [dopo il quarto divorzio] incontrato una
    persona magnifica»
  • «sono fatta di ciò che ami, più l’acciaio»
  • «gettami tra i lupi, diventerò capobranco»
  • «non sono impegnata sono impegnativa»
  • «mi piacciono le sorprese»
  • «ho divorziato perché con mio marito a parte quattro figli non avevo
    alcun interesse in comune»
  • «ogni tanto bisogna ricordare che l’aborto è un diritto!»
  • «e i preti pedofili?»
  • «se per avere una cosa la devo chiedere, allora non la voglio più»
  • «mi iscrivo a psicologia»

Negli occhi di chi ascolta quei corpi c’è tanta nostalgia e una
domanda: dov’é finito il cervello che prima ci stava?

Ma, caro lettore, solo io, e ora anche te, sappiamo la verità: lo ha
preso il re di Solaria!

E nemmeno Astolfo ormai potrebbe più andarlo a riprendere.

Non lo dire a nessuno.

Conclusioni

  • Se pensi che questo post possa essere utile a qualcun altro condividilo.
Categorie
counseling

Catcalling e altre campagne demenziali.

La modernità ha infilato numerosi e grossi pali nel culo a tutte le donne, ma in compenso generosamente le «tutela» se un muratore fischia per la strada, se qualcuno le chiama con un termine non declinato al femminile o se per caso vogliono fare l’astronauta.

Forse per le donne che vivono sulla terra sarebbero però molto più importanti altre cose, opportunità e flessibilità sul lavoro, possibilità, per chi lo preferisce, di non andarci proprio al lavoro e dedicarsi alla cura dei figli tramite il sostegno alla maternità, dalla quale molte donne non desiderano affatto liberarsi, come lo Stato troppe volte tende a dare per scontato.

catcalling

Ci sono pur sempre molte donne cui non frega un gigantesco cazzo di andare in orbita (né che ci vada una donna), a loro interessa molto di più essere a casa tutti i giorni alle quattro a dare la merenda ai loro figli e, nonostante i media e il pensiero unico demenziale la pensino all’opposto, é anche su queste persone comuni che si regge l’intera società, non su le donne che il Partito della Demenza nomina, per mero merito inguinal-genitale, a cariche ininfluenti, che finiscono su tutti i giornali ma che di fatto producono – e sono – il nulla.

Che non sia il caso di smettere di lasciar definire la progettualità contemporanea della condizione femminile a donne come Aurora Ramazzotti e Asia Argento, che non sembrano essere il buon esempio di niente?

Che non sia il caso di capire che con le demenziali campagne del catcalling, del cognome materno (che poi è sempre quello del nonno), del nome del lavoro declinato (storpiando la lingua più bella del mondo) al femminile e simili vi stanno solo prendendo per il culo, mentre con l’altra mano vi tolgono quello che sarebbe davvero fondamentale per voi?

Categorie
pillole

Dio ha creato le donne solari e poi ha preso …

Dio ha creato le donne solari e poi ha preso i popcorn ?