conflitti

Soluzione del conflitto aziendale: e risolvi!

Salve, ho un problema in azienda tra due dipendenti che litigano tra loro, mi trovo spesso a dover spendere molto tempo (inutilmente) a cercare di mantenere degli equilibri tra i miei collaboratori. Esiste uno strumento o un sistema normativo per risolvere questo problema? Luigi Gentile Luigi, parliamo di una situazione piuttosto diffusa, nella pratica. Malgrado non esista uno strumento di legge ad hoc che risolva questo genere di problemi, c’è un meccanismo stragiudiziale (quindi senza ricorrere al … Continue reading

Problemi legali: lavorare sul cuore.

Uno dei più grossi problemi e probabilmente la più grande contraddizione del settore legale è che chi deve affrontare un problema legale, specialmente se di famiglia, avrebbe bisogno, quasi sempre, di lavorare sul cuore, mentre viene indirizzato, o tende spontaneamente ad andare, da un avvocato, che è un «dottore della legge», cioè, sostanzialmente, un burocrate, che il cuore spesso non lo pensa nemmeno. Per questo la gente per lo più odia gli avvocati: loro arrivano con un … Continue reading

Mediazione familiare: come si pratica?

Dopo aver passato in rassegna la mediazione familiare, anche nella sua evoluzione storica, e i vari modelli più diffusi nella pratica, passiamo adesso ad alcune conclusioni sul ruolo del mediatore e su come quindi si può operare concretamente intervenendo in una situazione familiare in crisi. Bisogna ricordare al riguardo che la mediazione è una «giustizia informale». Come è stato detto, infatti, «la mediazione è uno degli strumenti che le società contemporanee hanno a disposizione per cercare di risolvere … Continue reading

Mediazione familiare: il modello strutturato.

Proseguiamo, all’interno della nostra «serie» sulla mediazione familiare, con l’analisi dei vari modelli, occupandoci oggi di quello strutturato. Tra i vari metodi ed approcci passati in rassegna sino ad ora, quello strutturato è quello più «burocraticizzato»: le virgolette sono d’obbligo, in quanto non si tratta di regole imposte per esigenze eterodeterminate, ma volte tutto al contrario a garantire un miglior risultato del processo di mediazione. Resta comunque il fatto che è sicuramente l’approccio dove il ruolo del mediatore … Continue reading

Mediazione familiare: il modello sistemico.

Continuiamo l’analisi dei vari modelli di mediazione familiare diffusi nella pratica. Il modello sistemico è quello più diffuso nella pratica, tanto che anche molti professionisti del settore, in primis ancora una volta gli avvocati, intendono inconsapevolmente come mediazione familiare la sola declinazione sistemica, spesso proprio perché le limitate esperienze che ne hanno avuto sono state con professionisti pertinenti a questa scuola di pensiero e di pratica. Alla base di questo approccio, sicuramente più ambizioso e approfondito sotto … Continue reading

Mediazione familiare: il modello globale / operativo.

La differenza fondamentale di questo modello rispetto al precedente, visto appunto nel precedente post della «serie», ci viene indicata già dalla denominazione di globale. Mentre, come abbiamo visto, nel modello integrato il focus dell’attenzione è dedicato alla genitorialità, lasciando gli aspetti economici e legali alla cura dei professionisti del diritto per lo più, l’aspetto peculiare del modello globale è che il mediatore tratta tutti i conflitti che interessano i protagonisti della mediazione, sia quelli connessi alla gestione … Continue reading

Modelli di mediazione familiare: quello integrato.

Il quadro generale. Continuiamo la nostra importante «serie» di post sulla mediazione familiare passando all’esame dei vari modelli diffusi nella pratica di mediazione, cominciando da quello integrato. Sono infatti ormai presenti, anche nel nostro Paese, diversi modelli di mediazione familiare, che si differenziano tra loro per vari aspetti tra cui gli scopi più immediati, le tecniche tramite le quali essi vengono perseguiti e le applicazioni. I principali sono almeno sei: il modello integrato o parziale di Emery, Marlow, … Continue reading

Mediazione familiare: per capire i pregiudizi.

Purtroppo, quando la comunicazione inizia ad incrinarsi e i conflitti quotidiani non vengono gestiti adeguatamente, i pregiudizi che si formano sono per lo più negativi, considerato che, come accennato nei post precedenti della serie, la pressoché totalità delle persone non lavora su se stessa, non incrementa il proprio livello di consapevolezza e tende a individuare sempre nei comportamenti altrui la causa dei conflitti e dei problemi sul tappeto. Naturalmente, dal dare quasi sempre e costantemente la colpa … Continue reading

Mediazione familiare: sciogliere i pregiudizi, sbloccare il dialogo.

La mediazione familiare è, come noto, un intervento, da parte di un professionista, rivolto tipicamente alle coppie, quasi sempre genitoriali, ma praticabile anche in altri ambiti familiari, come ad esempio tra fratelli, tra figli e genitori, e, volendo, estensibile anche a contesti dove non esiste una situazione definibile come familiare in senso stretto, ma che rappresentano aggregazioni in cui, come è naturale nell’esperienza umana,  possono svilupparsi conflitti; a questo ultimo riguardo, la pratica offre numerosi esempi riguardo agli … Continue reading

Mediazione familiare: a cosa serve?

Avete mai visto la commedia o il film «Un tram chiamato desiderio» di Tennessee Williams? Una dei protagonisti, ad un certo punto, pronuncia una celebre battuta, entrata poi nel linguaggio comune, specialmente nei paesi anglosassoni. Si tratta di Blanche DuBois e della sua famosa «Ho sempre confidato nella cortesia degli sconosciuti», una battuta che in poche parole ci fa capire il grado di sofferenza di Blanche all’interno della famiglia in cui viveva. La mediazione familiare, almeno quella … Continue reading

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: